GROTTAGLIE – Venerdì 5 aprile alle ore 19:30, presso la Chiesa Madre Collegiata Maria SS. Annunziata si terrà il concerto di beneficenza della Jonio Wind Orchestra.

Obiettivo della serata è una raccolta fondi destinati a dei progetti di beneficenza e solidarietà, ma la destinazione sarà comunicata nel corso della stessa serata.

La Jonio Wind Orchestra sarà diretta dal maestro Luigi di Fino.

Si prevede un programma ricco per il quale vale la pena essere presenti. Saranno eseguiti celebri brani del repertorio internazionale, ma reinterpretati.
“Can’t take my eyes off youth”, “Santana a portrait”, “Frank Sinatra in concert”, “Gabriel’s oboe”, “Metti una sera a cera”, “Abba Gold”, Variation in blu”, “Oblivion”, “Libertango” e “Perez Prado”.

L’orchestra diretta dal Maestro Luigi Di Fino, è formata solo da fiati accompagnati da una sezione ritmica di basso e percussioni.

Il Maestro Luigi Di Fino è titolare della cattedra di clarinetto all’ Istituto musicale Paisiello di Taranto.

Il Presidente del club Lions di Grottaglie Arcangelo Fornaro ha espresso la sua soddisfazione per l’importante iniziativa.

E’ questo quello che muove ogni socio, lo spirito di solidarietà e sostegno verso progetti in ambito sociale e sanitario.

Si augura una folta partecipazione proprio per raggiungere buoni risultati nella raccolta fondi e trascorrere del tempo piacevolmente ascoltando della buona musica.

La Jonio Wind Orchestra formata nel 2016, è composta da musicisti di età diverse e tutti diplomati in Conservatorio. Alcuni di essi sono insegnanti di musica nelle scuole pubbliche.

Molti sono stati gli eventi a cui l’Orchestra è stata presente. Ha suonato nell’Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza a Taranto e anche nello storico liceo Quinto Ennio. Si è esibita per la rassegna Estate Oritana del Comune di Oria (Br), per l’Ente civico di San Giorgio Jonico in occasione della Festa Nazionale della Musica e anche all’Enjoy Fest.

La Jonio Wind Orchestra è stata spesso presente ai diversi eventi del territorio esibendosi all’interno delle chiese e nelle Piazze centrali, di Taranto e degli altri comuni jonici.