MASSAFRA – Si rinnova il patrocinio alla Madonna della Scala, domenica 5 maggio a partire dalle ore 11:30, quando come di consueto, i cittadini scenderanno in piazza per dimostrare tutta la loro venerazione alla Vergine Maria, autrice di molti prodigi.

Sarà il Primo Cittadino a consegnare le chiavi alla Madonna, rinnovando a nome della comunità l’invocazione alla Beata Vergine Maria affinché protegga il popolo e il territorio come fin’ora ha sempre fatto.

La Madonna della Scala è legata a un’antichissima leggenda che la vede come protagonista. Si racconta che proprio nel cuore degli insediamenti rupestri, dove ora sorge il piccolo santuario al quale si accede scendendo una scalinata, venne trovata l’immagine della Madonna da un pastore, su indicazione di un cervo bianco che gli indicò dove doveva scavare.

L’iconografia in un primo momento venne collocata in una chiesa del centro storico, ma scomparve e fu rinvenuto poco tempo dopo, nello stesso luogo dove fu rinvenuta la prima volta. Allora fu proprio lì che venne costruita una chiesa dedicata alla Madonna chiamata della Scala.

Per conoscere i prodigi compiuti dalla Madonna della Scala, bisogna andare indietro nel tempo, almeno di trecento anni, quando nel 1743, nel corso di un terribile terremoto, vennero coinvolte molte località del territorio e di tutto il sud Italia.

Festeggiamenti a Massafra per la Madonna della Scala
Riconoscimento editoriale: Pagina Facebook / Devoti a Maria
Ci furono ingenti danni e anche morti e feriti e la cosa incredibile fu che la città di Massafra rimase indenne.

I cittadini già ferventi devoti della Madonna della Scala, attribuirono a lei il merito di questo miracolo, tanto che venne proclamata protettrice della città, con una richiesta ufficiale fatta al Papa, che la accolse nel 1776.

Domenica prossima, si rinnovano i festeggiamenti, tanto attesi e i fedeli si raccoglietanno in Piazza Garibaldi e alle ore 11:00 partirà il corteo civico che raggiungerà via Vittorio Veneto.

Sarà qui che i cittadini incontreranno il simulacro della Madonna.