Liminal da giovedì 16 a domenica 19 settembre

Liminal, lo spettacolo avrà inizio giorno 16 settembre e giungerà al termine domenica 19. La dimostrazione di come l'universo può diventare sogno e viceversa.

Liminal lo spettacolo di Fabiana Ruiz Diaz

L’evento Liminal si terrà in Puglia, allo chapiteau El Grito, nello spazio aperto del TaTÀ, di e con Fabiana Ruiz Diaz, con la produzione Circo El Grito, la coproduzione Spazio Agreste e con il cartellone “tout public” programmato dal Crest per il progetto regionale Custodiamo la cultura in Puglia 2021. Liminal è stato progettato anche in collaborazione con la Provincia ed il Comune di Taranto. Per partecipare è fondamentale prenotare chiamando il numero 366.3473430 durante gli orari di ufficio. E’ obbligatorio essere in possesso del green pass anche se non per i minori di 12 anni. Qualunque informazione si trova sul sito www.teatrocrest.it. I biglietti hanno un costo di 12 euro prezzo intero, prezzo ridotto 8 euro.

Liminal lo spettacolo di Fabiana Ruiz Diaz

Liminal, un dramma circense affine al teatro dell’assurdo. Il linguaggio è semplice perchè ci si rivolge a tutti ed agisce sullo stupore per poi diventare riflessione e pensiero, fondamentalmente l’obiettivo dell’evento è spingere il pubblico a pensare, lanciando quindi un messaggio profondo. Fabiana Ruiz Diaz, è l’autrice del progetto realizzato in compagnia di Raffaella Giordano, Gennaro Lauro l’uomo nero e l’accompagnamento musicale da parte del Maestro Lorenzo Marchesini al pianoforte.

Ecco di cosa tratta

Lo spettacolo dimostra anche l’esistenza di uno spazio che funge da confine tra il sogno e la veglia, si tratta di qualcosa di non distinguibile, di impercettibile, che però esiste. La storia racconta di una donna sola che vive in un circo tempo prima abbandonato, quindi spettatore, si ritrova ad essere immerso in un luogo astratto dove assiste a dei rituali tipici della solitudine con evoluzioni aeree, acrobazie e non pochi virtuosismi che appartengono ad una circense in sogno. Si parla delle metamorfosi che in qualche modo rafforzano l’ironia, l’assurdo.