MASSAFRA – La città fa memoria del santo Felpaiolo e oggi lo festeggia in una cerimonia solenne in via Cavour.

Proclamato Santo il 2 giugno del 1996 da Papa Giovanni Paolo II, Sant’Egidio verrà ricordato durante la cerimonia solenne che avrà inizio alle ore 19:30.

Sant’Egidio Maria di San Giuseppe da Taranto è il santo Felpaiolo e sono due gli eventi a lui legati di cui si fa memoria nel 2019.

Uno è il 290esimo anniversario dalla nascita e l’altro è il tempo in cui il santo lavorò a Massafra come felpaiolo dal 1747 al 1752.

Sant’Egidio, il cui nome era Francesco Antonio Domenico Pasquale Pontillo, nacque a Taranto il 16 novembre 1729 da Cataldo funaio tarantino e dalla massafrese Grazia Procaccio.

Dal 1747 al 1752, il giovane visse a Massafra in una casa molto umile che era una casa-grotta che si trova in via La Terra numero 22. Svolse la sua attività artigiana di tessitore presso la bottega di Cimino da Taranto in via Cavour numero 8. Questi due luoghi sono rimasti la memoria storica della presenza del santo nella città di Massafra.

La cerimonia commemorativa è stata organizzata dal parroco della Chiesa Maria SS. del Carmine don Eugenio Fischetti con il patrocinio del Comune di Massafra.

Il programma prevede un momento musicale a cura della banda Città di Massafra, diretta dal M° Nicola Latorrata. Interverranno alla cerimonia il sindaco Fabrizio Quarto e don Eugenio Fischetti. Interverrà Padre Tonino Nisi dell’Ordine dei Frati Minori, parroco della chiesa di San Pasquale Baylon a Taranto, santuario dedicato al culto di Sant’Egidio.

Concluderà la cerimonia l’intervento di monsignor Cosimo Damiano Fonseca, rettore dell’antica chiesa Madre ed accademico dei Lincei.

Il momento più significativo della cerimonia sarà lo svelamento della lapide commemorativa e la benedizione dell’edicola votiva dedicata al santo.