“Partenza in salita”: l’esilarante commedia in scena a Massafra

Protagonisti del palcoscenico per la rassegna estiva "Yes Massafra" Corrado Tedeschi e Camilla Tedeschi in una commedia che ha meritato il plauso del pubblico

Partenza in salita evento Massafra
Riconoscimento editoriale: Yes Massafra

MASSAFRA – Serata indimenticabile quella del 25 luglio scorso all’insegna del teatro incorniciata dalla suggestiva piazza D’armi del castello medievale di Massafra baciata da una splendida luna piena. Protagonisti del palcoscenico per la rassegna estiva “Yes MassafraCorrado Tedeschi e Camilla Tedeschi in “Partenza in salita“.

Una piacevolissima commedia di Gianni Clementi per la regia di Marco Rampoldi e Corrado Tedeschi ha intrattenuto il numeroso pubblico presente.

Un padre sessantenne (alias Corrado Tedeschi), non accetta il passare del tempo sentendosi “giovane dentro”. Il fascinoso papà fa l’attore ma la notorietà è arrivata con gli spot pubblicitari per i quali è stato testimonial. Sua figlia (alias Camilla Tedeschi) è una ragazza che ha appena raggiunto la maggiore età e vive con la mamma. Separato dalla moglie da molti anni, il papà attore si riavvicina alla figlia per impartirle delle lezioni di guida con l’obiettivo di farle superare l’esame per il conseguimento della patente. Durante ogni lezione, tra un consiglio pratico ed un tentativo mal riuscito di guidare correttamente, la ragazza non perde occasione per rinfacciare al genitore le mancanze dovute alla sua scarsa presenza.

Alle provocazioni lui risponde con l’ironia che suscita il gelo della figlia. Quest’ultima non lesina critiche pesanti e fa pesare al genitore il fatto di non essere stato un punto di riferimento, un padre presente. Le lezioni di giuda diventano dunque un’opportunità preziosa per entrambi che, riavvicinandosi, iniziano a conoscersi sul serio. La maschera di uomo fascinoso che piace alle donne giovani, lezione dopo lezione, cade rivelando quello che la ragazza desidera: un genitore “normale”.

Un papà Peter Pan che cerca di ristabilire un rapporto con la figlia, crisi adolescenziali, scoperte allarmanti, altarini svelati, telefonate di amanti, scatti d’ira, risse sfiorate, bugie colossali, sono gli ingredienti principali della commedia che si mischiano a complicità, risate, tenerezze e momenti di commozione.

Nell’auto con la lettera P attaccata al lunotto posteriore, un padre usa il suo caparbio atteggiamento giovanilistico per piacere alla figlia che sembra più adulta della sua età. La chiave che scioglierà il gelo è un vecchio libro che risveglia dolci ricordi e scalda il cuore. L’immaturità di un improvvisato quanto impaziente istruttore di guida, si intreccia con il rancore di una figlia trascurata ma la frequentazione più assidua fra i due appianerà le divergenze. A scandire il passare dei mesi, i repentini cambi d’abito effettuati nel tempo di brevissimi stacchetti musicali.

Tra realistici scontri genitore – figlia e battute esilaranti, si raccontano quelle che potrebbero essere le vicende di chiunque, una storia comune proprio come la P dei neo patentati. Quale sarà il vero significato di quella lettera? Principiante o forse Padre o meglio ancora Padre Principiante?

Magistrale la performance dell’esplosiva coppia Tedeschi padre e figlia che hanno entusiasmato il pubblico. A dimostrarlo gli applausi a scena aperta di cui è stato omaggiato il talentuoso duo che ha saputo far riflettere divertendo tra una “partenza in salita” ed un “arrivo in discesa”.

Mariella Eloisia Orlando