TARANTO – Ritorna la 33esima edizione della manifestazione più coinvolgente della città dei Due Mari e che consiste in una gara sportiva in cui sono coinvolte in una regata in barca dieci equipaggi che rappresentano altrettanti rioni.

Oggi, la città è in festa, in occasione della celebrazione del Santo Patrono, San Cataldo.
Non solo, quindi, soltanto la tradizionale festa religiosa che incontra la comunità, ma anche attività culturale e sportiva che permette alla città di trascorrere delle ore di intrattenimento molto piacevoli.

Appuntamento a Palazzo di città alle ore 17:45, per il saluto del sindaco ai partecipanti del Palio e alla comunità che prenderà parte a questo evento importante per la città che avrà come scenario il centro storico e il mare.

Alle ore 18:15, in Arcivescovado, monsignor Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto, darà la benedizione a coloro che gareggeranno per aggiudicarsi il palio, con partenza fissata per le ore 19:00.

Appuntamento imperdibile questa sera, per la prima tornata che si ripeterà nel periodo estivo con la seconda tappa della manifestazione, in occasione della Festa del Mare del 2 giugno, con iniziative culturali e musicali.

La competizione sportiva è nata nel 1986, per volere dell’imprenditore Francesco Simonetti che ancora oggi, cura l’organizzazione dell’evento, nei minimi particolari e arricchendolo con nuove gare sportive, come il Trofeo Interforze a remi, la cui partecipazione vede le Forze dell’ordine e i militari locali.

E’ stato aggiunto anche il Trofeo Velico dei Rioni e il Trofeo delle Circoscrizioni in canoa.
Da ricordare anche la Regata del Mediterraneo alla quale partecipano anche altre città italiane, dal 2013 in occasione della Festa del Mare che quest’anno si terrà dal 26 al 28 luglio.

Durante il Palio di Taranto, gli equipaggi dovranno percorrere l’intero periplo del borgo antico in meno di 30 minuti, dal Mar Grande, attraverso il Mar Piccolo e fino al Traguardo nel Canale Navigabile.

Vince il palio la squadra costituita da due vogatori che resteranno in piedi tutto il tempo, e che impiega meno tempo.