Puglia, maxi concorso infermieri, 566 i posti

Le prove per il maxi concorso per infermieri in Puglia si terranno a febbraio, i posti sono 566.

concorso infermieri

Si svolgeranno dal 15 al 19 febbraio le prove per il maxi concorso infermieri in Puglia. Il concorso regionale prevede il reclutamento di 566 infermieri a tempo indeterminato. Le prove erano state rinviate diverse volte a causa dell’emergenza sanitaria che non accenna a diminuire. Il concorso era infatti previsto a settembre scorso ma in via precauzionale è stato sospeso il 31 agosto, poi è stato riattivato perché era necessario potenziare gli organici del personale anche per sostenere la campagna vaccinale in corso e tutti gli ospedali che lottano contro la pandemia. Adesso la commissione che ha il compito di stabilire le procedure del concorso della Asl Bari ha dato l’avvio per la selezione.

Misure anti contagio ancora più stringenti

Sono circa 17mila i candidati per i concorsi infermieri e per partecipare dovranno dare la conferma mediante un web check-in. Visto l’alto numero di partecipanti al maxi concorso infermieri la commissione ha stabilito delle misure di sicurezza ancora più restrittive, allo scopo di evitare il contagio. Ci saranno percorsi differenziati, ingressi contingentati, verrà effettuato il controllo della temperatura, si dovrà mantenere il distanziamento, mascherine e igiene delle mani  saranno obbligatori. I candidati che si troveranno all’esterno della sede d’esame dovranno rispettare anche fuori le distanze stabilite, quindi almeno di 1 metro. La sede d’esame è stata stabilita presso la Fiera del levante – ingresso edilizia (via Madonna della rena).

I candidati per il maxi concorso per infermieri divisi in 9 turni

Coloro che prenderanno parte alla prova sono stati suddivisi in 9 turni che si articoleranno in 5 giorni lavorativi. La prova pratica si terrà nello stesso giorno e durante lo stesso turno della prova scritta, a seguire. Lo svolgimento delle prove tiene in considerazione le norme e riguardanti l’emergenza sanitaria, che necessitano di eseguire rapidamente le procedure per poter reclutare gli infermieri necessari a far fronte alle esigenze per l’assistenza. I candidati eviteranno così di spostarsi ulteriormente.