Alla rassegna Letture d’Estate Cristiano Carriero presenta “Lutto Libero”

0
346
Letture d’Estate

Si terrà a Castellaneta Marina lunedì 13 con la rassegna Letture d’estate il nuovo appuntamento di una kermesse molto sentita e seguita. In questa occasione ospiti dell’Info Point di Castellaneta Marina saranno Cristiano Carriero e Giuliano Pavone, rispettivamente curatore e autore di uno dei racconti del libro ”Lutto Libero”, edito nel 2018 da “Gelsorosso”.

Farà da sfondo all’evento un argomento abbastanza complesso e non semplice da trattare, la morte, accanto alla quale emerge con prepotenza il desiderio di rinascita di chi, nonostante debba affrontare un lutto, si trova poi in condizione di dover riaffrontare la vita. In “Tutto libero” sono racchiusi ventitré racconti di altrettanti autori che mostrano come possa emergere il desiderio di superare la morte con ironia, liberandosi in modo catartico di un momento drammatico e difficile da superare senza però scordarsi che è esistito.

Letture d’Estate piacevole chiacchierata fra amici

La rassegna Letture d’Estate è organizzata da Info Point Castellaneta Marina e Pro Loco Rodolfo Valentino, con la cura di Rossella Tarquinio e rientra nell’ambito delle iniziative volte a promuovere il punto di informazioni turistiche di piazza Kennedy, allo scopo di stimolare la curiosità ed aumentare la fruibilità dello stesso Info Point. La rassegna inizia venerdì 20 luglio con Valentina Perrone e le sue “Memorie di Negroamaro” e prosegue il 3 agosto, con la brindisina Alessia Coppola, autrice del libro “Il profumo del mosto e dei ricordi”.

Il 7 agosto sarà la volta del castellanetano Marco Cetera con “Fai di me quello che vuoi” e, il 13 agosto, di Cristiano Carriero che presenterà “Lutto Libero”, libro scritto a più mani e di cui lui è il curatore. Il 18 agosto Nico Colucci presenterà “Il cammino del cretino” mentre il 24 agosto sarà ospite Alessandro Cannavale con “A me piace il sud”. L’ultimo appuntamento è fissato per il 31 agosto con “Vite ai bordi”, ultima fatica letteraria di Annamaria Zito.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui