CASTELLANETA – Grande successo dell’iniziativa che ha permesso alla città di poter visionare alcuni documenti di grande pregio ed interesse conservati nell’Archivio Storico Diocesano.

La città di Castellaneta ha aderito al progetto “Aperti al MAB”, promosso dall’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI insieme all’Associazione musei ecclesiastici italiani.

A Castellaneta, il progetto è stato reso possibile grazie all’interessamento del direttore dell’Archivio storico diocesano don Domenico Giacovelli e al quale ha aderito la Diocesi della città.

Dal 3 al 9 giugno è stato possibile visionare alcuni documenti di grande pregio ed interesse conservati nell’Archivio Storico Diocesano.

Si è trattato di platee relative ai possedimenti del Reverendo Capitolo e del convento di San Domenico, correlate da mappe relative al territorio di Castellaneta, dove sono indicate grotte, torri, chiese fuori le mura della città, pergamene e anche la vita Pastorale di Mons. Bartolomeo IV Sirigo.

Alcuni documenti presenti nella mostra, hanno riguardato la storia del Monastero di Santa Maria Maddalena.

Con un accordo tra il Comune di Castellaneta e la Curia è stato infatti possibile, avere a disposizione la scrivania dello storico Enrico Mastrobuono, che è situata generalmente  nei locali dell’ex convento di Santa Chiara e in questa occasione ha fatto parte della mostra.