Ezio Bosso ha incontrato il pubblico a Bari e ha dichiarato che continuerà a fare musica, ma non suonerà più il pianoforte

Il grande pianista italiano Ezio Bosso, direttore d'orchestra è stato accolto calorosamente dai suoi fans.

0
132

BARI – Ezio Bosso è stato accolto dal Governatore Emiliano nella Fiera del Levante e, nel padiglione Puglia, ha incontrato tantissimi ammiratori ai quali ha parlato di musica, arte e talento.

L’appassionato e sensibile musicista ha poi toccato un tasto dolente, molto personale, ma che interessa tutti coloro che lo ammirano. A chi non possono fare a meno delle emozioni che suscita la sua musica.

Nato con la musica, fin da piccino ha seguito il percorso musicale. Ha vissuto per la musica, con una brillante carriera come direttore d’orchestra e pianista.  Non si è arreso nemmeno dopo che una terribile malattia lo ha colpito otto anni fa.

Ezio Bosso ha aperto il cuore al suo pubblico

Dinnanzi a un bagno di folla, non ha avuto esitazione a rivelare la sua triste decisione.
“Non posso più suonare il pianoforte, ho due dita che non rispondono più. Smettetela di chiedermelo”. Ciò non significa che la carriera di Bosso sia finita, perché fin quando ce la farà, continuerà a dirigere l’orchestra.

“Se mi volete bene, smettete di chiedermi di mettermi al pianoforte e suonare. Non sapete la sofferenza che mi provoca questo”. Ha sottolineato il musicista, colpito dal 2011 da una patologia degenerativa.

“Ho due dita che non rispondono più bene e non posso dare alla musica abbastanza. E quando saprò di non riuscire più a gestire un’orchestra, smetterò anche di dirigere”.
Ha voluto raccontarsi così, aprendo il suo cuore al pubblico che lo ama tanto, con a fianco il suo cane Ragout.

Ha espresso parole molto significative, utili per chi vuole nella vita crescere e sviluppare la propria professionalità.
“Musicista non lo si diventa solo per talento, a un certo punto, soprattutto chi ce l’ha il talento, lo deve dimenticare e fare spazio al lavoro quotidiano, alla disciplina”.

Ha poi concluso: “Se mi volete bene, smettete di scrivermi che vorreste vedermi al pianoforte. Non sapete la sofferenza che mi provoca”.

Ezio Bosso, lasciando tutti sorpresi, ma soprattutto visibilmente scossi, ha ufficialmente annunciato di non essere più in grado di suonare il pianoforte, per la sua malattia.

Il maestro Bosso è nato a Torino il 13 settembre 1971 e solo pochi giorni fa, ha compiuto 48 anni. Una scelta del genere, alla sua giovane età è stata per lui davvero molto difficili, ma va rispettata.

Ezio Bosso ha dato e continuerà a dare alla musica tantissimo, perché la sente con l’anima e come pochi, riesce a trasmetterla a tutti coloro che lo ascoltano.