Nuovo corso di Medicina a Taranto, a partire dall’ 1 ottobre

Si tratta di un progetto che ha coinvolto la Regione.

0
270

TARANTO – Arriva una notizia molto importante che riguarda studenti e docenti che vedranno l’apertura di un nuovo corso di medicina direttamente nella città, senza quindi dover allontanarsi per seguire questo corso di studi.

Il progetto ha visto il coinvolgimento della Regione, con il Presidente Emiliano che ha messo a disposizione dell’Università, un budget per l’assunzione di cinque ricercatori di tipo B, quindi stabili.

La Asl Taranto è stata coinvolta con il Direttore Generale Rossi e il Direttore sanitario Colacicco che si occuperà della cosiddetta clinicizzazione del SS. Annunziata. E’ stato coinvolto anche il Comune tarantino con il sindaco Rinaldo Melucci ed il Rettore Antonio Uricchio.

Uno degli artefici principali dell’attivazione del nuovo coso di medicina che partirà dalla fine di quest’anno e quindi, avrà inizio dal nuovo Anno Accademico, sarà il Presidente della Scuola di Medicina dell’Università di Bari, Loreto Gesualdo.

Entusiasta dell’idea, dichiara che la scuola di medicina ha avuto l’opportunità di fare sistema guardando ai bisogni della popolazione e del territorio.

Ha visto la necessità di un corso di Medicina a Taranto per consentire a molti studenti con delle potenzialità, di poter realizzare i propri sogni senza dover rinunciare a questo genere di percorso di studi.

Dall’1 ottobre sarà attivo il primo corso di Laurea e gli studenti ne avranno conferma con l’offerta formativa del nuovo anno Accademico.

Ci saranno altre novità con l’apertura di un corso di Laurea specialistico in Scienze dello sport e il lancio del Dipartimento medico che sarà realizzato entro la fine del prossimo anno.

Il Dottor Loreto Gesualdo, riguardo alla clinicizzazione dei posti letto, dichiara che non c’è un vincolo numerico. Ci sarà Pediatria, Oncologia, Medicina e Chirurgia e l’ateneo barese ha la possibilità di clinicizzare su tutto il territorio pugliese 160 posti.

Al momento a Taranto non è necessario un numero elevato di posti letto clinicizzati e, invece, si deve puntare l’obbiettivo verso la crescita degli specialisti locali e in particolare quelli ospedalieri in possesso di abilitazione.

Ci sarà una stretta collaborazione tra l’Università di Bari e quella di Taranto e si aprirà un concorso pubblico riservato agli ospedalieri, ma la sede del nuovo corso di Medicina è ancora da definire.

Proprio in questi giorni si dovrà decidere per stabilire dove ospitare il triennio preclinico, considerando che il triennio clinico dovrebbe essere attivato al SS. Annnziata.

Il Presidente della Scuola di Medicina dell’Università di Bari è stato in visita in un liceo tarantino, con curvatura biomedica, il Battaglini, dove ha incontrato studenti bravissimi con grandi potenzialità che potrebbero essere le nuove matricole del nuovo corso di Medicina.