I migranti fanno moda a Taranto e aprono lo store «Abiti dal Mondo»

1
584
migranti fanno moda

Anche i migranti fanno moda e a Taranto è stato aperto uno store che si chiama «Abiti dal Mondo». Si tratta del primo store in Italia che propone creazioni sartoriali realizzate da richiedenti asilo che si trovano nei centri di accoglienza dell’Associazione Salam. Lo store si trova nel cuore del borgo di Taranto e offre ai clienti la possibilità di comprare abiti e accessori realizzati dal laboratorio sartoriale La Maison de La Mode.

Il progetto è stato premiato nel contest «Children First» organizzato e promosso da Usaim-Oim (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) che ha collaborato con l’Associazione Salam allo scopo di agevolare l’inserimento dei minori stranieri non accompagnati. I migranti fanno moda e quindi hanno potuto usufruire di una formazione che ha, in alcuni, rafforzato delle conoscenze già possedute, mentre in altri ha permesso di imparare dalla base le competenze di taglio e cucito.

I migranti fanno moda e si inseriscono meglio nel tessuto sociale

Alla selezione e alla premiazione hanno preso parte alcuni enti istituzionali ed associativi tra cui Oim Italia, Prefettura di Taranto, Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Taranto, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (Immigrazione), Connggi (Coordinamento Nazionale Nuove Generazioni), Associazione «Salam». Per assistere nella formazione i migranti che fanno moda è stata istituita una equipe con dieci sarti, provenienti da nazionalità diverse, che acquisiscono nel tempo sempre più abilità professionali riguardo la confezione.

I giovani sono guidati dalla sarta modellista Patrizia Solito e coordinati da Ida Chiatante, direttrice creativa della Idakia Art direction e design. Ogni giorno il laboratorio sartoriale si anima di colori e sfumature nuove e affascinanti: tra loro c’è chi crea accessori, quindi foulard, collane, cinture e borse, chi si occupa della modellistica, ma tutti hanno in comune la passione per il taglio e cucito, che permette loro di creare nuovi modelli in grado di soddisfare le esigenze dei consumatori.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui