Nasce l’Osservatorio “Galene” per sostenere il Mar Piccolo di Taranto

Il Mar Piccolo di Taranto è uno specchio d’acqua collegato al Golfo di Taranto, ricco di storia e di forme di vita vegetale e marina. Vediamo l’obiettivo dell’Osservatorio Galene.

0
556
Mar Piccolo

Il Mar Piccolo negli ultimi decenni è stato colpito dall’inquinamento e dal degrado. Per ovviare a questa situazione considerata insostenibile, il prefetto di Taranto Donato Cafagna e il commissario straordinario per le bonifiche Vera Corbelli hanno messo in atto un incontro pubblico per far conoscere l’Osservatorio “Galene”, istituito per sostenere il Mar Piccolo di Taranto. All’incontro hanno partecipato istituzioni, soggetti economici e le associazioni ambientaliste presenti nel territorio.

Iniziativa per la sostenibilità del Mar Piccolo

L’iniziativa si propone l’obiettivo di promuovere la sostenibilità ambientale, economica e sociale del Mar Piccolo di Taranto. Il progetto quindi è rivolto alla valorizzazione del sistema marino, delle qualità naturalistiche, delle attività di pesca e mitilicoltura che per la città rappresentano un patrimonio inestimabile. La collaborazione ha lo scopo di conferire continuità coordinata ai rapporti istituzionali e tecnico-scientifici riguardanti le azioni e le strategie comuni, di grande utilità per lo sviluppo sostenibile della mitilicoltura e del territorio. Il progetto si pone come il primo caso di pianificazione di una strategia di area vasta e multisettoriale, che può essere esportata in altre aree con problematiche simili.

Inizia per il Mar Piccolo un processo di rigenerazione

Il prefetto ha fatto notare che grazie a queste efficaci iniziative che portano alla sostenibilità e valorizzazione del Mar Piccolo e lo sfruttamento sostenibile delle risorse marine e costiere si dà inizio ad un processo di rigenerazione di un territorio necessario, che è stato soggetto ad elevate pressioni industriali e produttive. Le iniziative saranno portate avanti con una visione integrata che vedrà collaborare l’intera collettività con la comunità scientifica, le istituzioni e il sistema industriale e produttivo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui