ARABIA SAUDITA – Il Governo di Riad in una nota del ministero dell’Interno, ha comunicato che nella giornata di ieri, sono state uccise per terrorismo 37 persone. Uno è stato crocifisso in pubblico, come esempio.

La Saudi Press Agency ha comunicato che la pena di morte è stata inflitta nei confronti di alcuni criminali che hanno adottato ideologie estremiste terroristiche.

Questi individui che si trovavano in carcere da tempo, avevano, inoltre, formato cellule terroristiche e messo a rischio la sicurezza, oltre che ad aver tentato mettere caos e accendere conflitti ideologici.

L’agenzia di stampa ufficiale Spa ha dichiarato che, nello specifico, non è stato chiarito il tipo di esecuzione adottata, se per impiccagione o decapitazione con la scimitarra, utilizzata in questi casi. E’ stato, però, specificato che sono stati messi a morte seguendo le regole islamiche.

Con delle sentenze fatte in appello dalla Corte Suprema e confermate in ultima istanza dal re Salman, le esecuzioni di massa sono avvenute oltre che a Riad, anche nelle città sante di Mecca e Medina e nelle province Orientale e di Qassim.