Alessandro Gallo: un sommelier a Londra

Alessandro Gallo, il sommelier a Londra comincia a fare carriera e racconta i gusti dei clienti del suo locale

0
129
Alessandro Gallo sommelier Londra

Il giovane Alessandro Gallo lavora come sommelier a Londra. Racconta quelle che sono le abitudini in merito al vino. In generale, le persone sono completamente innamorate del vino e quelli italiani sono sempre i preferiti nella maggior parte dei Paesi. Ma a Londra invece le cose non stanno così. Il giovane sommelier romano che si trova a Londra da due anni ha spiegato che si usa molto poco il vino italiano, quanto piuttosto funziona tanto il prosecco o il vino bianco francese.

L’esperienza di Alessandro Gallo

Il sommelier Alessandro Gallo ha iniziato a lavorare da Pierluigi a Roma un’importante ristorante amato dalle star internazionali. Poi ha deciso invece, di trasferirsi nel Regno Unito. Infatti lavora al Davis and Brook al hotel Claridge’s a Londra è uno dei migliori ristoranti premiato anche nella classifica “The worlds 50 best restaurants”. Adesso che è un professionista affermato ha detto che le abitudini alimentari a Londra sono completamente diverse. Innanzitutto, anche nei pasti è molto più veloce rispetto che in Italia. Per quanto concerne invece, gli alcolici, in generale preferiscono bere birra e quando si parla di vino ci si riferisce soprattutto a quelli francesi. Tra quelli più amati vi sono il Porto e il Bordeaux.

La carta dei vini e il made in Italy

La carta dei vini del ristorante di Alessandro Gallo è molto onerosa. Come lui stesso ha spiegato, generalmente loro preferiscono bere francese o tedesco. Però, al di là dell’offerta che è molto variegata nel ristorante, in generale la preferenza va verso comunque i vini europei. Per quanto concerne i vini italiani, in carta ci sono quelli di Piemonte e Toscana e anche dei vini della zona dell’Etna. Inoltre, a Londra è molto apprezzato anche il prosecco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui