L’amministrazione Trump valuta il test nucleare

L'amministrazione Trump ha valutato il test nucleare nel corso delle ultime settimane e già tremano gli equilibri.

0
264
Impeachment presidente Trump: arriva il sì della commissione

Proprio mentre si affronta la pandemia, l’amministrazione Trump ha discusso della possibilità di dare il via al test nucleare. Una scelta che non viene fatta praticamente dal 1992 e che chiaramente potrebbe avere delle conseguenze, soprattutto, nel rapporto con le altre potenze nucleari. Secondo il Washington Post, le agenzie di sicurezza americane hanno parlato della possibilità di questo, solo venerdì scorso. La scelta segue anche la decisione dell’amministrazione Cinese e Russa, colpevoli, di aver condotto a loro volta dei test in questo senso. E’ proprio in virtù di questo che, adesso, invece l’America ha deciso di condurre le sperimentazioni e portare avanti la specializzazione sul nucleare.

I test nucleare dell’amministrazione Trump

Intanto l’amministrazione Trump ha fatto sapere di essere pronto per partire con questi test. Secondo il Washington Post, le agenzie della della sicurezza americana hanno parlato di questa possibilità a partire dallo scorso venerdì. Il test nucleare, sarebbe utile nelle trattative soprattutto con Cina e Russia in merito agli arsenali nucleari. La discussione non è ancora una decisione sicura ma di certo, gli Stati Uniti d’America, difficilmente si tireranno indietro qualora le altre potenze dovessero essere ancora convinte di poter fare loro questo tipo di test e l’America invece ne resterebbe fuori.

I rischi dei test nucleari

Il rischio di condurre test nucleare è molto alto soprattutto nei rapporti tra l’amministrazione Trump e altri Stati. La National Nuclear Security Administration si dice contraria ai nuovi test americani che non vengono condotti dal settembre del 1992. Del resto, questa decisione di andare avanti con i test potrebbe portare a delle conseguenze molto serie e far saltare anche le trattative con il leader nordcoreano Kim Jong-un. Proprio per evitare che la diplomazia venga messa in crisi da questa mossa, l’agenzia sta cercando di sedare gli animi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui