Coronavirus: s’inizia a lavorare alla creazione di un vaccino

Per riuscire a ridurre l'incidenza del coronavirus, s'inizia a lavorare alla creazione di un vaccino mediante mappe genetiche.

Cina, cresce diffusione coronavirus

Cinque aziende stanno partecipando alla realizzazione di un vaccino per il coronavirus, attraverso l’uso di mappe genetiche. Tra le aziende occidentali che collaborano alla realizzazione del vaccino una è italiana.

Lo sviluppo del vaccino verrà effettuato presso l’Ospedale di Shangai nell’Università di Tongji, insieme alla Stermina Therapeutics, all’Istituto americano delle malattie infettive, e l’azienda Takis di Roma. Per la realizzazione di un vaccino contro il coronavirus si sta lavorando alla sua costruzione mediante il computer attraverso le informazioni genetiche.

Infatti, il vaccino non si potrà costruire con il virus inattivo, ma bisognerà realizzare un vaccino di tipo genetico che si basa sull’informazione contenuta all’interno del materiale genetico che si trova all’interno del virus.

La tecnologia per la realizzazione di un vaccino verrà messo a punto da un’azienda italiana che prenderà il frammento del genoma presente nel virus e dovrà clonarlo con i filamenti circolari del DNA che è presente nei batteri.

Una volta costruito il virus sarà possibile l’iniezione intramuscolo, dopo di ché una piccola scossa elettrica permetterà la penetrazione del vaccino all’interno del citoplasma della cellula. In questo modo le cellule produrranno una sostanza che verrà riconosciuta dal sistema immunitario.