Decreto del Consiglio dei Ministri: misure restrittive per Lombardia e 11 province. Misure specifiche anche per il resto d’Italia.

Il Decreto del Consiglio dei Ministri firmato questa notte dal Presidente del Consiglio Conte, prevede misure restrittive per Lombardia e 11 province.

Giuseppe Conte.
Giuseppe Conte. Riconoscimento editoriale: Pagina Facebook Ufficiale di Giuseppe Conte

Il Decreto del Consiglio dei Ministri firmato questa notte dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte prevede nuove normative. In primis è consigliato a tutti coloro che abitano in Lombardia e in 11 province tra Veneto ed Emilia Romagna di non lasciare il proprio luogo di residenza e di non uscire dalla zona segnalata se non per emergenze lavorative o sanitarie. La polizia, infatti, da oggi potrà fermare i cittadini e chiedere loro i motivi dello spostamento.

Le misure restrittive valgono anche per i luoghi di assemblamento. Secondo quanto riportato da nuovo decreto saranno chiuse le scuole, i luoghi ludici, i centro commerciali, i centri sportivi non agonistici, i teatri, i cinema e tutte quelle attività commerciali che prevedono un numero di persone molto alto, e l’impossibilità di rispettare la distanza di sicurezza.

Inoltre, saranno chiusi anche i bar dopo le 18, ed è stato decretato lo stop in tutta italia a: sale gioco, discoteche, cinema, teatri e organizzazione, partecipazione a manifestazioni pubbliche. 

Conte durante il suo intervento ha chiesto a tutti i cittadini italiani di essere responsabili, di non fare “i furbi”, di seguire la normativa ministeriale per evitare che si diffonda ancora di più il contagio. 

Per quanto riguarda i mezzi di trasporto pubblico quali treni e aerei non sono completamente sospesi, ma ci sarà molta attenzione su chi sceglie di spostarsi che non dovrà presentare sintomi (quali febbre) e dovrà avere un valido motivo per lo spostamento fuori dalla Regione Lombardia e dagli altri 11 comuni interessati.