Facebook e Instagram banditi in tutta la Russia

Facebook e Instagram sono stati bandini in Russia per "estremismo". A dichiararlo è il servizio di sicurezza federale russo.

facebook

Le attività di Meta ovvero della società che possiedono Facebook e Instagram vanno contro il Paese ed anche contro le sue forze armate motivo per cui i due canali vanno oscurati.

Facebook e Instagram banditi, le informazioni in Russia saranno filtrate

La Russia ha comunicato al suo popolo la notizia secondo la quale Facebook e Instagram sarebbero stati bandati in tutto Paese. Il servizio di sicurezza federale russo, ritiene che i social in questo periodo siano dei mezzi molto pericolosi. La stretta del Presidente russo continua ed è anzi sempre più  determinata perché punta tutto sulla gestione dell’informazione all’intorno del paese. Ciò che vuole Putin ed che il popolo sia disinformato o che al massimo riceva informazioni filtrate soltanto a favore del Paese. L’invasione infatti viene raccontata come una “operazione militare speciale” che ha lo scopo di “liberare gli ucraini”.

Maxim, proprietario di un brand di abbigliamento afferma: “Chi vorrà usare i media lo farà lo stesso”

Ad esprimere la propria opinione in contrasto con la decisione del Governo russo di bandire l’uso dei social è il proprietario di una linea di abbigliamento, Maxim. L’uomo ha affermato che tutto questo è terribile, impossibile credere che stia accadendo davvero nel 2022 soprattutto in Russia dove la gran parte dei progressisti li usa. Tra l’altro i progressisti portano benefici all’economia quindi è stato più che altro come penalizzare il proprio Paese. Ad ogni modo sicuramente chi li vorrà usare li userà lo stesso. L’attore Lev dichiara che questa presa di posizione era attesa già da qualche giorno, che ad ogni modo la soluzione è sotto gli occhi di tutti e che nessuno rispetterà il divieto soprattutto perche non è prevista alcuna penale. Lui ha scaricato una rete virtuale privata mediante la quale i social sono utilizzabili senza alcun problema.