Infermiere col Coronavirus: mostra le foto “prima e dopo”

Un infermiere di 43 anni intubato per oltre un mese, ha condiviso il confronto con quelle che sono le conseguenze della malattia. Ha spiegato che la sua vita è cambiata dopo il Covid19

0
27
Mike Schultz

Mike Schultz, un infermiere di 43 anni intubato per circa un mese, ha spiegato cosa è accaduto al suo corpo e alla sua vita dopo aver avuto il Coronavirus. L’uomo è statunitense ed ha 43 anni. Ha contratto il covid-19 nel corso di un concerto all’aria aperta in cui era entrato insieme al suo fidanzato Josh. L’infezione era avvenuta la prima settimana di marzo. Da allora si è presentato all’ospedale a posto ed ha avuto delle crisi respiratorie molto gravi con tanto di febbre alta. Per lui è stata necessaria l’intubazione. Quando si è svegliato era passato circa un mese: si è reso conto che la sua vita era cambiata irrimediabilmente.

La foto dell’infermiere dopo il Coronavirus

La foto dell’infermiere Mike Schultz dopo un mese dal ricovero per il Coronavirus ha fatto subito il giro del pianeta. Infatti, ha messo il “prima e dopo”. A sinistra c’è un selfie scattato circa un mese prima di ammalarsi in cui era in piena forma e molto muscoloso. Ad essere invece c’era quello in ospedale che aveva fatto reggendosi in piedi a fatica. Ha spiegato alle persone che lo guardano quanto può essere duro stare in terapia intensiva per settimane e ha spiegato che il covid ha ridotto drasticamente le sue capacità polmonari ma ora sta diventando sempre più forte. Spiega anche che pensa che potrà diventare addirittura più sano.

Le condizioni mediche del 43enne

Dopo la foto dell’infermiere statunitense, subito si è deciso di intraprendere nuovamente una discussione sul covid-19. L’uomo ha spiegato che ha perso 23 kg in 4 settimane e ha raccontato che prima di arrivare in ospedale non aveva avuto alcun tipo di patologia pregressa e questo attacco così forte non se lo sarebbe mai aspettato. Un modo per mettere in guardia gli altri di quanto è accaduto e soprattutto, per far capire che è una malattia con cui non si scherza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui