Operazione al cuore per il Principe Filippo, sta meglio

Sta meglio il Principe Filippo, l'intervento al cuore è andato bene.

Principe Filippo

E’ stata resa nota la notizia dell’intervento al cuore al Principe Filippo. Da Palazzo è stato emanato un comunicato contenente notizie positive sul duca di Edimburgo, marito della regina Elisabetta. L’intervento è riuscito e Filippo ha reagito con tempra e spirito. La regina non può fargli visita per via delle restrizioni a causa del Covid, ma viene aggiornata costantemente dal personale ospedaliero. Pare che la procedura al cuore sia stata eseguita per una condizione preesistente, però il principe ha reagito bene e rimarrà in ospedale per un certo numero di giorni per seguire la terapia e un migliore recupero.

Operazione al cuore per un problema preesistente

Come è stato reso noto da Palazzo, il duca di Edimburgo è stato operato al St. Bartholomew Hospital” di Londra, dove è stato trasferito lo scorso lunedì. L’ospedale è specializzato in malattie cardiache, quindi il Principe Filippo è stato operato da esperti nel settore della cardiochirurgia. Il duca si trova in ospedale da quando è stato ricoverato il 16 febbraio all’ospedale King Edward VII di Londra.In quella struttura era stato curato dopo che aveva avuto un malore, ma alla fine i medici hanno riscontrato un’infezione. Tutti finora hanno temuto per la salute del marito della regina Elisabetta e adesso sono lieti di sapere che sta migliorando.

Il Principe Filippo ha reagito bene

Anche il figlio Carlo ha temuto per la vita del padre. Lo scorso 22 febbraio, dopo aver fatto visita al padre, era stato fotografato teso in viso e con gli occhi lucidi. La foto aveva fatto il giro del mondo e tutti avevano pensato che per il Principe Filippo la situazione si stesse mettendo male. Ad oggi , invece, sono arrivate notizia molto positive sulla sua salute e sembra che stia reagendo bene all’intervento. Il duca a giugno compirà 100 anni e a Palazzo attendono con ansia questo momento per festeggiarlo. Ma Filippo ha sempre detto di non volere alcuna festa.