MESSICO – Con oltre 8.735 omicidi, il primo trimestre del 2019 risulta il più violento nella storia del Messico. Nello stesso periodo dello scorso anno, si era detenuto il record che ora è stato superato dell’8,9%.

Si tratta di dati reali riferiti dal quotidiano El Universal di Città del Messico.

Nel dettaglio, secondo quanto risulta dai dati ufficiali pubblicati durante il fine settimana dal Segretariato esecutivo del Sistema nazionale di Sicurezza, nel mese di gennaio 2019 si sono registrate 2.931 morti; il mese di febbraio 2.875, mentre nel mese di marzo si è ripetuta la stessa cifra di gennaio.

Le statistiche vengono preparate dal 1977 e lo scorso hanno è stato sorprendente il numero di morti violente, con i 7.958 omicidi del primo trimestre.

Con il passare del tempo, la situazione sta andando a peggiorare. Dall’inizio di questo anno, 2019, gli stati messicani più violenti sono stati il Guanajuato con 947 morti e a seguire lo  Stato dei Messico con 769 morti violenti, la Baja California con 747 morti e Jalisco con 720 morti.