40 milioni per affrontare la Xylella: ecco per chi

In Puglia, l'iniziativa permetterà di impiantare ulivi che sono di una varietà resistente al batterio

0
101
xylella
Riconoscimento editoriale: mehmet lafdinleten / Pixabay.com

TARANTO Xylella fastidiosa: gli agricoltori che hanno subito delle perdite possono candidarsi con le cooperative e le organizzazioni di produttori di riferimento per ottenere i fondi messi a disposizione per impiantare nuove varietà di ulivi.

Quindi, l’obiettivo è ottenere ulivi che sono resistenti per natura al batterio che ha causato così tanti danni nel territorio pugliese. Infatti, la Regione ha messo in campo un fondo da 40 milioni di euro con oggetto “Reimpianto di olivi in zona infetta”, come previsto dal piano straordinario per la rigenerazione olivicola della Puglia per gli anni 2020-2021.

Così, i piccoli agricoltori, che altrimenti non potrebbero permettersi di impiantare nuovi ulivi, potranno contare sui fondi regionali e poter così procedere con la propria attività e cercare di riprendersi almeno economicamente.

Infatti, i nuovi ulivi saranno resistenti al batterio. Per Emiliano, non si tratta solo di una questione produttiva, ma anche di paesaggio e di territorio. Infatti, la Xylella aveva distrutto anche il paesaggio lungo il percorso salentino.

Il bando sarà pubblicato prossimamente. Quindi conviene visitare il sito della Regione per saperne di più.

Avranno priorità alle persone colpite dalla fitopatia e i piccoli agricoltori che potranno candidarsi aiutandosi con le cooperative di riferimento. Quindi, le risorse dovrebbero arrivare in tempi più brevi, dove le eradicazioni delle piante infette o potenziali non è possibile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui