Anp CIA: alzare importo pensioni agricoltori

Anp-Cia parla delle pensioni minime per gli agricoltori, e chiede che vengano trovate le risorse utili ad aumentare l'assegno percepito, fermo a 515 euro.

0
47
cia due mari

PUGLIA – Anp Cia in un comunicato stampa parla del problema dell’importo pensioni agricoltori. Un problema sociale, oltre che sminuente nel confronto del lavoro di tutti coloro che hanno operato nelle campagne. Gli agricoltori hanno e svolgono un’opera fondamentale per tutto il paese. Assicurano i beni essenziali come cibo e tutela del territorio.

Ora, come sottolineato da Anp-Cia con le pensioni minime ferme a 515 euro, si ritrovano tra i più poveri. Tanto che a volte sono costretti a lavorare anche in età avanzata. Anp Cia chiede dunque, che il tema delle pensioni minime venga affrontato con rigore e serietà nella prossima legge di Bilancio per il 2021.

Nella quale sarà possibile rintracciare sicuramente le risorse necessarie. Purtroppo afferma De Carlo, la pensione di cittadinanza, non ha risolto questo problema a causa dei termini restrittivi per l’accesso a questa integrazione pensionistica. Il presidente di Anp-Cia conclude: continueremo a batterci per far riconoscere assegni dignitosi e servizi adeguati a livello sociosanitario ai pensionati agricoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui