Coldiretti Puglia: la siccità ha tagliato il 25% della raccolta dei cocomeri

Coldiretti Puglia ha sottolineato come parte del raccolto delle angurie sia andato perso a causa del caldo. Nonostante ciò, il prezzo pagato ai produttori rimane basso.

raccolta dei cocomeri

La Coldiretti Puglia ha sottolineato come la siccità abbia tagliato oltre il 25% della raccolta dei cocomeri nella regione. I frutti, purtroppo, sono stati bruciati dal sole e dal caldo causato dal ciclone africano “Lucifero”.

L’analisi di Coldiretti Puglia, ha sottolineato anche come: i costi si siano alzati notevolmente a causa dell’irrigazione di soccorso che gli agricoltori hanno dovuto utilizzare per sopperire alla siccità, e all’uso del gasolio destinato a tirare l’acqua dai pozzi, con l’aggravante che le avversità del sole e le scottature dei prodotti non sono nemmeno assicurabili.

I prezzi medi che sono stati pagati ai produttori agricoli si presentano intorno ai 0,20 cent. al chilo, ma in alcune realtà si scende perfino a 0,10 cent. Al supermercato invece i costi arrivano a 0,70 cent. al chilo. Se poi si considerano i chioschi, il prezzo dell’anguria, può raggiungere anche fino ai 3 euro al chilo.

Coldiretti Puglia così denuncia: a causa dei prezzi bassi pagati ai produttori, le angurie sono vendute sottocosto e usate come prodotto per attrarre i consumatori all’interno dei supermercati.