Irrigazione ai Consorzi di bonifica: interviene Coldiretti Puglia

La legge regionale creerebbe disparità tra agricoltori privati e consorzi di bonifica

Coldiretti Puglia

BARI Coldiretti Puglia ha lanciato l’allarme su una eventuale disparità di trattamento tra gli agricoltori/allevatori e i consorzi di bonifica.

Infatti, secondo la legge regionale all’articolo 9, n. 1/2017, i consorzi di bonifica non pagherebbero l’Iva del 10% sulle forniture, cosa che invece gli agricoltori pagano.

Infatti, secondo Coldiretti Puglia, l’Acquedotto Pugliese potrebbe aumentare le tariffe a chi paga per compensare. In più, la legge, se approvata, prevederebbe una valutazione dei consorzi.

Se la valutazione fosse negativa, tutto passerebbe nelle mani di Aqp. Per poterlo evitare, ci sarebbe già la proposta di legge del consigliere Pentassuglia.

“(…) la proposta di legge regionale del consigliere regionale Donato Pentassuglia tesa proprio a scongiurare il passaggio della gestione irrigua ad Aqp. Per questo chiediamo che la norma venga subito portata in discussione per evitare l’ennesima tegola ai danni degli agricoltori pugliesi”.

Così ha spiegato Savino Muraglia di Coldiretti Puglia. Per l’ente, la questione ha la priorità perché la Regione cambierà Consiglio in autunno.