Olio Pugliese: annata ottima per la produzione, ma negativa sul prezzo

Gli olivicoltori hanno superato tantissimi ostacoli e problemi legati alla Xylella. Nonostante ciò la produzione è in ripresa, peccato per i problemi legati al prezzo.

0
82

TARANTO – Dopo tante lotte contro la Xylella, l’annata dell’olio di oliva pugliese è stata davvero buona per la produzione, anche se si sono avuti problemi con il prezzo che va contro i produttori di olio pugliesi. Nel 2019 il prezzo mensile medio dell’olio di oliva è sui 4,34 euro al chilo, con una flessione del 15,2% rispetto al 2018.

Per Confragricoltura Puglia questi dati affermano che si vede un’annata da due volti buoni i risultati produttivi, tranne nel Salento (dove la Xylella ha colpito più pesantemente), e con difficoltà però sulla tenuta dei prezzi. La Puglia è la prima regione per produzione con il 175% in più rispetto al 2018. Numeri importanti. Manca però l’effetto traino sul prezzo.

Il problema dei prezzi al ribasso, sono causati dalle dinamiche della grande distribuzione, che con volumi molto alti di vendita abbassa i prezzi a livelli fuori mercato per gli agricoltori pugliesi.

Inoltre, i prezzi dell’olio pugliese sono più alti rispetto a quelli dell’olio spagnolo, tunisino, turco e greco, portando di conseguenza altri problemi di vendita a ribasso. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui