Uila Puglia: intervenire su manodopera agricoltura

Le proposte del sindacato

0
101
uila puglia
Riconoscimento editoriale: David Mark / Pixabay.com

TARANTO Uila Puglia ritiene che non basti regolarizzare 500mila irregolari per far fronte all’emergenza riguardo al caporalato e allo schiavismo in agricoltura.

Infatti, tra l’emergenza Xylella e quella CoVid-19, secondo l’associazione dei braccianti si sono perse 200mila giornate di lavoro e 4000 posti. I dati si riferirebbero solo al Salento.

Su 172mila persone impiegate, 39mila sono cittadini stranieri. In più, su queste 172mila persone, circa il 30% non riesce a fare più di 51 giornate all’anno. Se si verificano i dati con i lavoratori stranieri, si arriva al 41%.

Quindi, secondo Uila Puglia, è importante regolarizzare la posizione di circa 60mila persone che sono diventate irregolari solo negli ultimi tempi, perché hanno perso il lavoro a causa del CoVid-19.

“Come Uila abbiamo, in questi giorni, più volte precisato che riteniamo che la nostra agricoltura abbia necessità di braccia, ma in particolar modo abbia necessità di dare diritti a queste braccia, che siano italiani o stranieri. Rispettare i contratti di lavoro e leggi sociali deve essere la normalità”.

Così conclude il sindacato, che auspica una regolarizzazione che non dipenda dalla provenienza del lavoratore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui