PALAGIANO – Il comune vuole cercare di migliorare il senso civico del cittadino con delle azioni che lo stimolino a fare sempre meglio.

Dall’1 febbraio è entrato in vigore il Bollino rosso, per alcune zone della città, ma ben presto il provvedimento si allargherà a tutto il territorio di Palagiano.

Con questa iniziativa si vogliono colpire soprattutto coloro che si ostinano a conferire i rifiuti senza rispettare le modalità imposte dalla raccolta differenziata.

Eppure, le istruzioni del “Riciclabolario” sono chiare. Sono indicati in ordine alfabetico, i rifiuti, con accanto il colore equivalente a quello indicato dalla Pattumella.

Fare la raccolta differenziata è un segno di civiltà di cui beneficiano gli stessi cittadini.

Il provvedimento emesso dal comune e dalla Polizia Municipale vuole svolgere un monitoraggio per la corretta gestione dei rifiuti su tutto il territorio.

Ecco come funziona il sistema del Bollino Rosso.

Al momento del ritiro del sacchetto dei rifiuti, gli operatori possono decidere di non farlo, qualora notino che non sono state rispettate le regole della raccolta differenziata.

In questi casi, appongono il Bollino rosso sul sacchetto o sulla Pattumella e alla seconda segnalazione, interverrà la Polizia Locale e l’associazione FareAmbiente, provvedendo a rilevare l’infrazione.

Si spera che con queste azioni, la cittadinanza riceva maggiori stimoli a rispettare le regole.

Il Sindaco Domiziano Lasigna esorta i cittadini a rispettare la differenziata per il bene di tutti.

L’Assessore all’Ambiente Patrizia Rollo, sottolinea che non si tratta solo di un obbligo di legge, ma è anche un dovere nel rispetto dell’ambiente che ci ospita e della nostra salute.