Il progetto UPPark della Terra delle Gravine per salvare il territorio

Con il progetto UPPark contro le micro-discariche si potranno salvaguardare le Gravine. Scopriamo di cosa si tratta.

0
416
progetto UPPark
Fonte web: Uppark

TARANTO –Il progetto UPPark è rivolto alla salvaguardia delle gravine e si pone come obiettivo la lotta alle micro-discariche. Il progetto prevede l’utilizzo della tecnologia e in particolare l’uso delle App per smartphone, oramai largamente utilizzate dai comuni pugliesi più avanzati. Protagonista di questo progetto è il comune di Grottaglie, in provincia di Taranto, che dà modo a tutti, cittadini e turisti, di esercitare una tutela sul territorio diventando dei perfetti guardiani ecologici. Il progetto prevede la segnalazione in tempo reale qualsiasi illegalità ambientale che sia opera di comportamenti dannosi verso il più vasto parco della regione, ovvero il Parco Naturale Regionale Terra delle Gravine.

L’App Riciclario del progetto UPPark

Con Il progetto UPPark viene sfruttata l’App Riciclario, compatibile con smartphone e tablet, che consentirà di segnalare subito eventuali abusi del territorio, avvisando così i vari organi della vigilanza dell’area delle Gravine. Con l’app sarà possibile allegare foto, indicare la posizione e permettere di intervenire in maniera immediata. Chi invia la notifica sarà potrà verificare di persona se è stato effettuato l’intervento e potrà interagire con dei feedback specifici.

I servizi del progetto UPPark

Con l’App Riciclario si potrà interagire col progetto UPPark e accedere ad una serie di servizi ambientali come ad esempio il dizionario dei rifiuti, la bacheca del riuso, i servizi di raccolta disponibili, il pagamento e il controllo della Tari nel comune di residenza, ecc. Il progetto nasce grazie all’idea del Bando Ambiente 2015, promosso da Fondazione con il Sud, che ha consentito di mettere in atto diverse azioni volte a valorizzare il Parco Naturale Regionale Terra delle Gravine. Oltre a questo progetto, ci saranno anche altre iniziative per ristabilire l’ecosistema dell’area delle Gravine, in modo da preservarla da eventuali danni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui