TARANTO – L’approvazione del piano strategico Zes avvenuta nelle ore precedenti darà una bella svolta al territorio jonico prevedendo importanti agevolazioni fiscali per gli operatori economici del territorio.

Le aree interessate dal piano per quanto riguarda il Polo di Taranto sono: l’area Portuale di Taranto, il Distripark di Taranto, l’area retroportuale ASI di Taranto, l’area PIP Talsano est Taranto, PIP Paolo VI Taranto, PIP di Statte, quella di Massafra comprendente anche l’area industriale, poi quella di Martina Franca e di Mottola.

Mentre per il Polo di Grottaglie sono l’aeroporto di Grottaglie, il Centro intermodale di Francavilla Fontana, l’area di sviluppo aeroportuale di Grottaglie, l’area PIP ampliamento di Grottaglie, l’area industriale Monteiasi, l’area PIP di Faggiano, l’area industriale di San Giorgio Jonico, l’area industriale di Manduria, l’area PIP di Francavilla Fontana, l’area PIP di Carosino.

Per il Polo di Melfi saranno solamente due ovvero, l’area industriale San Nicola di Melfi e l’area industriale Vitalba.

Per il Polo di Ferrandina: l’area industriale Balvano – Baragiano, l’area industriale Tito, l’area Jasce- La Martella, quella di Val Basento e di Scanzano ed infine il PIP Policoro.

Per ultimo il Polo di Galdo di Lauria per il quale saranno interessate l’area industriale Galdo di Lauria, quella di Viggiano e quella di Senise.