«Rifiuti nucleari: la lista è un orrore da cancellare» le parole di Mazzarano

Il consigliere regionale Michele Mazzarano interviene in merito all'arrivo di un deposito nucleare nazionale

Michele Mazzarano

MASSAFRA – In merito all’arrivo di un deposito nucleare nazionale si esprime, con una nota stampa pubblicata sul suo profilo Facebook, il consigliere regionale Michele Mazzarano.

«Nella lista dei siti idonei per il deposito nucleare nazionale – esordisce Mazzarano – è stata inclusa la Puglia con le aree di Gravina di Puglia e Altamura in provincia di Bari e un’altra area che va da Laterza, in provincia di Taranto, fino a Matera.

Si tratta di una scelta incomprensibile – commenta – che colpisce al cuore le politiche di rilancio e di sviluppo del nostro territorio, che in questi ultimi anni ci hanno visto pionieri in Italia ed in Europa con le battaglie per la decarbonizzazione.

Inoltre – aggiunge – è una scelta stravagante perché ci si dimentica che l’intera area indicata idonea per i rifiuti nucleari, e cioè l’area murgiana e che va da Matera fino a Laterza, è rinata in questi ultimi anni grazie alle iniziative messe in campo con Matera Capitale Europea della Cultura e con la promozione del Parco nazionale della Murgia e il Parco regionale delle Gravine.

Iniziative che hanno valorizzato la vocazione culturale e turistica del territorio che un sito nucleare come quello previsto finirebbe per radere al suolo.

Questa lista è un errore, o, sarebbe più appropriato dire, un orrore che va immediatamente cancellato.

Spero – auspica Mazzarano – che il governo faccia marcia indietro altrimenti le popolazioni si mobiliteranno.»

Mariella Eloisia Orlando