ArcelorMittal: confermato il primo caso di Coronavirus. I sindacati chiedono un tavolo di confronto.

Il tampone fatto sull'operaio di ArcelorMittal ha confermato il primo caso di Covid-19 all'interno dell'azienda. I sindacati sono preoccupati.

ArcelorMittal - ex ilva

TARANTO – L’operaio che nei giorni scorsi aveva lamentato un forte malessere tanto da indurlo a chiamare il 1500, numero per l’emergenza Covid-19, dopo essere stato sottoposto al tampone è risultato positivo al Coronavirus.

Dopo la conferma del tampone, la direzione di ArcelorMittal ha proceduto a informare i sindacati del caso positivo. Nel frattempo l’ASL di Taranto ha iniziato la procedura medica prevista in caso di contagio.

Adesso i medici stanno ricostruendo con l’azienda i movimenti, individuando i luoghi, e i colleghi che ha frequentato l’uomo all’interno della fabbrica.

Le associazioni sindacali nel frattempo hanno innanzi tutto augurato al lavoratore una pronta guarigione. In secondo luogo, hanno espresso la loro preoccupazione in merito al contagio da coronavirus, in quanto potrebbe diventare facilmente un focolaio difficile da gestire.

Per questo motivo: Fiom, Fim, Uilm e USB hanno chiesto di aprire un tavolo per il confronto tra istituzioni e azienda, al fine di garantire un numero di operai impiegati ridotto il più possibile per ridurre il rischio di contagio.