Certificati anagrafici online esenti da bollo con Spid: come averli e da quando

Come ottenere i certificati anagrafici online esenti da bollo? Si può: basta avere lo Spid, o la CIE, oppure la CNS, ma solo da metà novembre. Ecco dove.

certificati anagrafici online

La data da segnare sul calendario è quella del 15 novembre: a partire da quel lunedì, infatti, tutti i cittadini italiani potranno beneficiare di un nuovo servizio che li aiuterà a sveltire la pratica di ricevere certificati anagrafici, evitando file e noie, ma soprattutto evitando di recarsi fisicamente presso gli uffici per ottenere questi documenti. Si tratta del nuovo servizio online dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR), che consentirà ai cittadini italiani (anche quelli residenti all’estero e iscritti all’AIRE) di scaricare ben 14 tipi di certificati anagrafici.

I 14 certificati anagrafici esenti da bollo disponibili

In tutto sarà possibile chiedere e ottenere ben 14 tipi di certificati anagrafici, disponibili online ed esenti da bollo, quindi assolutamente gratuiti. I documenti potranno essere scaricati in autonomia per noi stessi, ma anche per conto dei nostri familiari. I 14 certificati che sarà possibile scaricare online gratuitamente sono i seguenti:

  • Anagrafico di nascita;
  • Anagrafico di matrimonio;
  • Cittadinanza;
  • Esistenza in vita;
  • Residenza;
  • Residenza AIRE;
  • Stato civile;
  • Stato di famiglia;
  • Stato di famiglia e stato civile;
  • Certificato di Residenza in convivenza;
  • Stato di famiglia AIRE;
  • Stato di famiglia con rapporti di parentela;
  • Certificato di Stato libero;
  • Anagrafico di Unione Civile;
  • Contratto di Convivenza.

Inoltre sarà possibile scaricare i certificati anche in modo contestuale, quindi un certificato cumulativo richiedendo in un unico documento tre tipi di certificato. Per finire, i documenti saranno disponibili anche in multilingua, per i Comuni con plurilinguismo.

Come accedere e scaricare i certificati anagrafici online

Per scaricare i certificati anagrafici online è sufficiente essere muniti di identità digitale SPID, Carta d’Identità Elettronica (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Il portale dove fare la domanda è quello dell’ANPR, raggiungibile al sito anpr.interno.it. Qui, peraltro, si informa che la copertura è per 7.795 comuni, per un totale di 66.465.432 cittadini italiani (inclusi anche quelli iscritti all’AIRE e perciò residenti all’estero), dato aggiornato al 2 novembre 2021. Al momento mancano ancora 80 Comuni: sul sito sopraccitato, tuttavia, vi sono tutte le informazioni per essere integrati nell’elenco dei Comuni coperti dal servizio.

Nell’eventualità in cui si chieda un certificato per conto di un familiare, il portale mostrerà tutti i componenti della famiglia per i quali si può richiedere un certificato. Una volta scelto il certificato da scaricare, il servizio mostrerà un’anteprima dello stesso, sulla quale sarà possibile controllare e verificare i dati contenuti nel documento.

Leggi – Come contattare il Contact Center Inps: numero verde, mail e area riservata

ANPR: finalità e prospettive del nuovo servizio

“ANPR è un sistema integrato, efficace e con alti standard di sicurezza, che consente ai Comuni di interagire con le altre amministrazioni pubbliche”, si legge nella pagina dedicata sul sito del Ministero per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale. “Permette ai dati di dialogare, evitando duplicazioni di documenti, garantendo maggiore certezza del dato anagrafico e tutelando i dati personali dei cittadini”. Inoltre, per le Pubbliche Amministrazioni comporta un guadagno in efficienza “superando le precedenti frammentazioni, ottimizzare le risorse, semplificare e automatizzare le operazioni relative ai servizi anagrafici, consultare o estrarre dati, monitorare le attività ed effettuare analisi e statistiche”. Per i cittadini, invece, continua il comunicato, significa accedere ai servizi in maniera più semplice, immediata e intelligente.

Il prossimo passo sarà quello di aggiungere altri certificati. Nei prossimi mesi, si legge nella nota, saranno aggiunti ulteriori servizi per il cittadino, tra cui le procedure per effettuare il cambio di residenza.