Il Comune di Taranto presente alla 7a edizione del Salone della CSR e dell’innovazione sociale

E' il più importante evento italiano dedicato alla sostenibilità e alla responsabilità sociale d'impresa.

0
86

TARANTO – Presso la sede dell’Università Bocconi a Milano erano presenti l’assessore all’Ambiente Anna Tacente e il presidente di AMIU s.p.a. Carloalberto Giusti, in rappresentanza del Comune di Taranto, in occasione della 7a edizione del Salone della CSR e dell’innovazione sociale.

Lo scorso anno, l’importante evento ha coinvolto 188 organizzazioni e 392 relatori. Si sono tenuti in tutto 53 eventi e 12 seminari. Si sono registrate 5500 presenze.

Promotori dell’iniziativa sono stati: l'”Università Bocconi, CSR Manager Network, Fondazione Global Compact Network Italia, ASviS, Sodalitas, Unioncamere e Koinètica”.

Al Salone della CSR e dell’innovazione sociale per il comune di Taranto due rappresentanti d’eccezione

Si tratta del più importante evento che si tiene in Italia, dedicato alla sostenibilità ed è stata l’occasione per trovare delle strategie e dei percorsi comuni, per raggiungere un unico importante obiettivo.

I due rappresentanti per eccellenza per la città di Taranto che sono intervenuti all’evento, Anna Tacente e Carloalberto Giusti, hanno voluto portare il tema dello “sviluppo sostenibile a misura dei territori”.

Questo è quanto ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Anna Tacente, nel corso del suo intervento:

“Abbiamo portato a Milano la nostra voglia di cambiare paradigma, lo sforzo che stiamo compiendo partendo dalle innovazioni sociali e urbanistiche che sono contenute nel documento programmatico preliminare e, più in generale, nella strategia che guarda a Taranto come a un ecosistema urbano resiliente. Questa occasione è preziosa per mostrare i passi che la nostra città sta compiendo per scrollarsi di dosso un destino segnato, ma anche per conoscere le esperienze di altre realtà”.

L’evento si è posto 5 obiettivi:

  1. Eliminare l’utilizzo di oggetti di plastica usa e getta;
  2. Ridurre lo spreco alimentare;
  3. Riparare. regalare o vendere, mao buttare;
  4. Limitare l’uso dell’auto;
  5. Abbattere tutti i muri.

Queste sono tutte azioni importanti che ognuno dovrebbe adottare e che si riconducono ai 17 obiettivi fissati dall’Agenda 2030 dell’ONU che coinvolgono gli stati membri.

Indicano come comportarsi per aumentare i livelli di sostenibilità e ridurre al minimo l’impatto di azioni e persone sull’ambiente.

Il presidente dell’Amiu Giusti ha affermato che per poter raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile è necessaria “un’adeguata programmazione, ma soprattutto un’attenta valutazione quotidiana delle priorità”.

Ha spiegato che la sua presenza al salone è dovuta alla condivisione del modello particolare che stanno adottando in azienda che ha l’obiettivo di individuare altri in grado di migliorare quanto fatto fino a questo momento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui