Don Peppino Montanaro è il nuovo parroco della Basilica di San Martino a Martina Franca

Il nuovo parroco della Basilica di San Martino ha sottolineato l'importanza di valorizzare il centro storico per coinvolgere la comunità.

0
78
Don Peppino Montanaro parroco Basilica di Martina Franca
Basilica di San Martino Martina Franca. Riconoscimento Editoriale: LPLT / Commons.Wikimedia.org

MARTINA FRANCA – Don Peppino Montanaro è il nuovo parroco alla guida della Parrocchia di San Martino da circa un mese e ha preso il posto di don Franco Semeraro. Ha sottolineato l’importanza di valorizzare la Basilica e tutto il centro storico con iniziative che vanno a coinvolgere i residenti e non solo i turisti.

Don Peppino Montanaro ha dato le sue prime impressioni positive riguardo la comunità e le condizioni della Basilica, sottolineandone la cura che ha avuto di essa il parroco che l’ha preceduto, don Franco Semeraro.

Ha dichiarato di aver trovato una comunità con grande dignità e poi ha aggiunto che sta scoprendo una produzione letteraria di grande valore e sulla quale in questi anni Don Franco Semeraro si è speso molto. Ha aggiunto che ora occorre valorizzare il bene inestimabile presente nella Basilica di San Martino.

La Basilica di San Martino un attrattore anche per i residenti.

Don Peppino Montanaro ha dedicato la sua vita al servizio della diocesi con molti incarichi di amministratore parrocchiale. Nel 1995 è arrivato a Martina Franca per occuparsi della parrocchia di San Paolo e poco dopo della chiesa del Divino Amore.

Fra i suoi importanti compiti, è rientrato anche l’incarico di cancelliere della Curia, per ben 27 anni e che in questi giorni ha passato a Don Pasquale Morelli.

Don Peppino afferma che la Basilica di San Martino, per la sua bellezza artistica e importanza storica e culturale, rappresenta una fonte di attrazione turistica e di iniziative da mettere in campo, come è sempre stata fino ad oggi.

Ha sottolineato però che il cento storico che nel tempo si è spopolato, non può rappresentare solo un attrattore per i turisti ed essere poco recettivo da parte dei residenti.

Coinvolgere le comunità parrocchiali per accrescere l’interesse della chiesa di San Martino

E’ un luogo di grande importanza culturale, apprezzato dai turisti e punto di riferimento per lo svago in genere. Ha evidenziato che il centro storico non può rappresentare solo un luogo per la vita notturna.

Ha infine aggiunto, in occasione delle celebrazioni martiniane, che ha deciso di coinvolgere le comunità parrocchiali della vicaria martinese perché la Basilica diventi patrimonio dell’intera città.

In questi giorni, nella Basilica sono state celebrate le messe in presenza di diversi sacerdoti della vicaria di Martina Franca e il parroco della parrocchia Madonna della Sanità, don Marco Morrone, ha celebrato una messa.

E’ stato consegnato alla Compagnia dei Carabinieri di Martina Franca il sigillo martiniano dopo la messa celebrata da Don Franco Semeraro. E’ stata un’occasione di unione della comunità che vuole significare che con la partecipazione di tutti si può crescere insieme.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui