Home Notizie Attualità Emergenza sanitaria a Taranto: Labriola “governo ascolti”

Emergenza sanitaria a Taranto: Labriola “governo ascolti”

Vincenza Labriola preoccupata per la situazione sanitaria a Taranto

Licenziati operatori del 118 Taranto

TARANTO – La deputata Vincenza Labriola diffonde una nota in cui denuncia le carenze sanitarie a Taranto e provincia. Prende spunto dalle parole del presidente locale del sistema sanitario per poi ampliare il discorso a tutte le carenze strutturali. Ecco il comunicato.

Labriola su Taranto

“Il malcontento gridato a gran voce dal Presidente del SIS118, Dott. Mario Balzanelli, non puo’ essere ignorato dal governo, in particolare dal ministro Speranza. Se, giustamente, si trovano le risorse per retribuire meglio medici, infermieri e Oss del Pronto Soccorso, bisogna prevedere anche i fondi da destinare al Sistema di Emergenza Territoriale 118 nazionale. Un “pronto soccorso su ruote”, il referente per le emergenze sanitarie dei cittadini, che svolge un ruolo fondamentale e delicato ed e’ davvero in grado di fare la differenza tra la vita e la morte”.

Emergenza sanitaria nel tarantino

Vincenza Labriola, deputata di Forza Italia è molto chiara all’interno della sua nota. “Il ministro Speranza dovrebbe trovare anche il coraggio di attuare la riforma del 118, indispensabile per dare una certa omogeneità alle richieste di emergenza e urgenza su tutto il territorio nazionale”, ha aggiunto. “Ho presentato, in merito, una proposta di legge, con richieste chiare: istituzione del Dipartimento di Emergenza Territoriale provinciale (con incluso comitato di dipartimento); istituzione dei CO118 provinciali; prevedere l’accesso diretto al 118 in affiancamento al 112″.

LEGGI ANCHE – L’ospedale Giannuzzi di Manduria non chiuderà: la decisione

Poi “Prevedere 1 medico e 1 infermiere ogni 60.000 abitanti; calcolare il numero di mezzi sulla base dei tempi di percorrenza per area urbana ed extraurbana; prevedere l’indennità di rischio ambientale e biologico per medici, infermieri, autisti-soccorritori; dare, su base facoltativa, la possibilità per i medici di passaggio alla dipendenza dopo 5 anni continuativi. Il governo agisca, il 118 non può più essere considerato un sistema di serie B”, conclude.

Exit mobile version