Insieme per Carosino: il comunicato stampa denuncia per gli avvenimenti della festa del 2 Giugno

Insieme per Carosino, il Comunicato Stampa sulla festa del 2 Giugno "scambiata" per festa del partito vincitore.

0
72

CAROSINO – Abbiamo ricevuto da “Insieme per Carosino”, un comunicato stampa, che vuole denunciare gli avvenimenti del 2 giugno durante i festeggiamenti per la festa della Repubblica. Lo riportiamo qui di seguito, integralmente, come ricevuto: 

“2 Giugno scambiata per festa di Partito

Fatto gravissimo stasera. La commemorazione del 2 giugno a Carosino è stata preceduta da un comizio di circa mezz’ora in cui il sindaco ed i neo-amministratori hanno confuso e mistificato il loro ruolo di rappresentanti ISTITUZIONALI con quello di esponenti di Carosino Adesso. Si è trattato del comizio di ringraziamento di Carosino Adesso, volutamente organizzato un attimo prima della deposizione della corona al monumento ai caduti. Un sindaco, quale rappresentante di tutti i cittadini, avrebbe dovuto parlare in termini istituzionali  a tutta la cittadinanza e non di appartenenza politica verso i suoi elettori. Preme inoltre sottolineare un altro fatto grave: l’assenza dell’Associazione Combattenti che, per statuto nazionale, è custode di quel monumento. Assenza sia fisica dei propri rappresentanti alla cerimonia sia grafica sul manifesto del Comune. Associazione che peraltro si è particolarmente contraddistinta negli ultimi anni per aver saputo  organizzare cose belle in analoghe circostanze. Come mai? In ultimo, la commemorazione è stata animata dalla Conturband, una band di artisti di strada che nulla ha a che vedere con il carattere ed il profilo altamente istituzionale della festa della Repubblica. Per giunta la stessa band ha intonato una musica festosa all’atto in  cui si accompagnava la corona di alloro verso  il monumento ai caduti. A Carosino, forse primo ed unico caso della storia della Repubblica, la commemorazione dei valori democratici della nazione si è trasformata nella festa del partito vincente. Sarà pur stata una bella festa, ma il 2 giugno è tutt’altra cosa rispetto al comizio di ringraziamento di Carosino Adesso: quanto accaduto stasera è un insulto ai valori democratici e repubblicani della nazione e dei cittadini. E se come detto del sindaco, si è trattato di una coincidenza, a questo punto era una coincidenza a cui si poteva porre rimedio perché non vi era nessun obbligo di far coincidere le due cose nello stesso momento. A voi ogni dovuta considerazione in proposito.

#INSIEME_PER_CAROSINO”