Martina Franca: progetto contro la violenza di genere

Presentato a Martina Franca un progetto contro la violenza di genere

Martina Franca: progetto contro la violenza di genere

MARTINA FRANCA – Presentazione del progetto “Differenze” a Martina Franca presso il Palazzo Ducale per contrastare ogni forma di violenza di genere. Sono violenza maschile sulle donne e crescenti episodi di cyberbullismo e omo-lesbo-bi-transfobia i veri motivi che hanno spinto gli organizzatori a procedere in questa direzione. Il progetto coinvolge bel 14 città italiane, come hanno spiegato le personalità intervenute presso la casa comunale martinese.

Il progetto coinvolge anche Martina Franca

“Dopo due anni di chiusura a causa della pandemia abbiamo registrato quasi quotidianamente casi di violenza sulle donne. Come educatori dobbiamo farci carico di affrontare questi temi con le ragazze e i ragazzi, pertanto abbiamo accolto favorevolmente questa pregevole iniziativa, perché si tratta di un tema fondamentale per formare le future cittadine e i futuri cittadini.” Così è intervenuta Adele Quaranta, dirigente scolastico dell’IISS Da Vinci.

Paola Cellamare, assistente sociale di Martina Franca

Le fa eco Paola Cellamare, assistente sociale “Agire facendo prevenzione è fondamentale perché, citando la scrittrice Michela Murgia, la morte fisica della donna avviene laddove quella sociale e morale è già avvenuta. La violenza di genere è tristemente democratica: siamo tutte costantemente esposte; così come lo sono gli uomini, ad una cultura che fa della violenza il maggior indicatore di potere. “La possibilità offerta da “Differenze” ha un’importanza cruciale, poiché informando, sensibilizzando, parlando con ragazze e ragazzi delle scuole superiori delle nostre città si pongono le basi per quel cambiamento culturale necessario per costruire finalmente una società paritaria e libera dalla violenza di genere.” Così ha terminato il suo intervento la Cellamare.

Poi è la volta di Annelise Kooreman, Presidente Uisp Comitato Valle d’Itria “Riteniamo che questo progetto sia in linea con gli obiettivi che perseguiamo da decenni; la pratica sportiva è consapevolezza di sé, del proprio corpo, delle dinamiche relazionali ed è anche strumento di educazione a relazioni di genere paritarie ed inclusive. Siamo certi che le giovani e i giovani coinvolti risponderanno con entusiasmo a questa iniziativa” Così termina il suo intervento la presidente.

LEGGI ANCHE – Diecimila vele contro la violenza di genere: partecipa Ondabuena Teleperformance

La parola all’amministrazione comunale di Martina Franca

“Questo progetto si inserisce in una serie di attività che quotidianamente realizziamo sul nostro territorio sia come Comune che come Ambito Territoriale. Anche l’Ente interverrà durante alcuni incontri in cui saranno presentati la carta dei servizi e i dati regionali di un fenomeno che bisogna contrastare, ma soprattutto prevenire.” Ha detto Tiziana Schiavone, Assessore alle Politiche Sociali

Infine le parole conclusive di Franco Ancona, primo cittadino. “Ringrazio i promotori di questo progetto; perché con queste lezioni si avrà la possibilità di sensibilizzare le nuove generazioni sull’importanza della parità di genere; attraverso la cultura del corpo e del movimento, le relazioni e il linguaggio del rispetto”.