Nessun risarcimento per il dissesto del Comune di Taranto

Ecco perché i coinvolti non dovranno risarcire

0
81
300 nuovi posti di lavoro al Comune di Taranto
Riconoscimento Editoriale: Asia / Common.Wikimedia.org

TARANTO – L’ex sindaco Rossana Di Bello non dovrà risarcire il Comune di Taranto per il dissesto.

A dirlo è la Corte di Appello di Lecce. Infatti, il Comune aveva chiesto un risarcimento danni per il dissesto di 500 mila euro, a seguito della vicenda giudiziaria.

La richiesta di risarcimento era arrivata anche per:

  • Michele Tucci (ex deputato Udc per due legislature),
  • l’ex dirigente del settore Risorse Finanziarie Luigi Lubelli ;
  • 6 ex revisori dei conti: Osvaldo Negro, Eugenia Carelli, Cosimo Orlando, Carlo Aprile, Vincenzina Cilio e Mauro Ingrosso.

Secondo i giudici, non ci sarebbero le prove che le falsificazioni dei bilanci siano state fatte in maniera dolosa, quindi non si può procedere con la richiesta di risarcimento.

In particolare, non si capisce “(…) se le omissioni contabili di quelle poste attive e passive contestate (nei bilanci ndr) agli imputati siano state dolose o colpose o indotte incolpevolmente da tali situazioni. Consegue la mancanza di prova anche dell’elemento soggettivo dei reati contestati”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui