Home Notizie Attualità Quando iniziano e finiscono i saldi invernali 2022 in ogni Regione

Quando iniziano e finiscono i saldi invernali 2022 in ogni Regione

Si avvicinano le feste natalizie, ma dopo Capodanno è già tempo di pensare ai saldi invernali 2022: ecco quando iniziano e finiscono in ogni Regione.

saldi invernali 2022

Quando iniziano e finiscono i saldi invernali 2022 in ogni Regione italiana? Dopo le feste di Natale e Capodanno è già tempo di pensare alla stagione dello shopping a prezzo scontato. Le date di avvio sono simili praticamente in tutte le Regioni, mentre per quanto riguarda le date di fine saldi queste differiscono da territorio a territorio. In ogni caso le prime Regioni a iniziare quest’anno sono la Basilicata e la Sicilia, il 2 gennaio, mentre il giorno successivo sarà la Valle d’Aosta. All’8 gennaio e al 5 marzo posticiperanno i comuni dell’Alto Adige. Per quanto riguarda la Provincia Autonoma di Trento saranno i commercianti a decidere liberamente il periodo dei saldi.

Lo spauracchio Covid e Omicron

Generalmente, prima della stagione dei saldi, vige il divieto di applicare sconti e promozioni nel mese antecedente, ma viste le difficoltà determinate dalla pandemia di Covid e dalle restrizioni, alcune Regioni hanno deciso di consentire l’applicazione di promozioni anche prima dell’inizio della stagione. Inoltre c’è anche da considerare che i casi stanno aumentando anche nel nostro Paese e c’è il timore che con le feste ci possa essere un incremento di contagi e che la situazione possa peggiorare, con possibili ulteriori restrizioni e limitazioni che potrebbero penalizzare lo shopping.

Leggi – Taranto: ristori Covid, 600 mila euro per le imprese

Saldi invernali 2022: tutte le date

Andiamo quindi a elencare le date di inizio e fine saldi in tutte le Regioni italiane.

  • Abruzzo: dal 5 gennaio, per i successivi 60 giorni
  • Basilicata: dal 2 gennaio al 2 marzo, con divieto di effettuare promozioni nei 30 giorni precedenti
  • Calabria: dal 5 gennaio al 6 marzo
  • Campania: dal 5 gennaio al 1° marzo
  • Emilia Romagna: dal 5 gennaio, per i successivi 60 giorni. Vietato efettuare promozioni nei 30 giorni precedenti
  • Friuli Venezia Giulia: dal 5 gennaio al 31 marzo
  • Lazio: dal 5 gennaio, per le successive 6 settimane. Vietato effettuare sconti e promozioni nei 30 giorni antecedenti
  • Liguria: dal 5 gennaio al 18 febbraio. Vietato effettuare sconti e promozioni nei 40 giorni precedenti
  • Lombardia: dal 5 gennaio al 5 marzo, con divieto di effettuare promozioni nei 30 giorni precedenti
  • Marche: dal 5 gennaio al 1° marzo. Vietato applicare sconti nei 30 giorni precedenti
  • Molise: dal 5 gennaio al 1 marzo
  • Piemonte: dal 5 gennaio per le successive 8 settimane. Vietato effettuare sconti nei 30 giorni precedenti
  • Puglia: date ancora non annunciate
  • Sardegna: dal 5 gennaio per i successivi 60 giorni
  • Sicilia: dal 2 gennaio al 15 marzo
  • Toscana: dal 5 gennaio per i successivi 60 giorni. Vietato effettuare sconti e promozioni nei 30 giorni precedenti.
  • Umbria: dal 5 gennaio per i successivi 60 giorni
  • Valle d’Aosta: dal 3 gennaio per i successivi 60 giorni. Vietato effettuare promozioni nei 15 giorni precedenti
  • Veneto: dal 5 gennaio al 28 febbraio. Vietato applicare promozioni nei 30 giorni precedenti.
  • Provincia autonoma di Trento: decisioni in autonomia da parte dei commercianti.
  • Alto Adige: le date variano in base ai comuni tursitici e non, dall’8 gennaio al 5 febbraio (Bolzano, Oltradige e Bassa Atesina, erano e Burgraviato, Valle Isarco, Alta Valle Isarco, Val Pusteria e Val Venosta) e dal 5 marzo al 2 aprile (Marebbe, San Martino in Badia, La Valle, Badia, Corvara, Tires, Castelrotto, Renon, Ortisei, Santa Cristina, Selva Gardena, Marebbe, Stelvio, Maso Corto, Resia, San Valentino alla Muta).
Exit mobile version