A Taranto si svolgerà la XX edizione dei Giochi del Mediterraneo 2026

Oggi a Patrasso è avvenuta l'assegnazione alla presenza delle massime autorità del territorio jonico.

0
110

TARANTO – La notizia è ufficiale ed è arrivata proprio oggi, facendo esultare di gioia le massime autorità che si sono prodigate perché fosse raggiunto questo obiettivo. Il territorio jonico accoglierà i prossimi giochi del Mediterraneo.

La dichiarazione ufficiale è stata fatta nel corso dell’assemblea annuale del Comitato Internazionale dei Giochi del Mediterraneo, tenutasi a Patrasso, in Grecia, che ha stabilito di posticipare l’edizione pugliese al 2026.

Giochi del Mediterraneo, occasione di rilancio del territorio.

Per Taranto questo evento sportivo di grande rilevanza internazionale rappresenta un’occasione preziosa per rilanciare l’immagine di tutta la provincia, sotto il profilo turistico, economico, ma anche dell’impiantistica sportiva.

Per i giovani del territorio può rappresentare uno stimolo ad intraprendere delle attività sportive a livello agonistico.

Nel corso della XX edizione dei Giochi del Mediterraneo, saranno presenti sul territorio per due settimane, oltre 4 mila atleti provenienti da 26 paesi. Naturalmente anche dirigenti, tecnici e accompagnatori, giornalisti e operatori dei media. Si prevede la partecipazione di un notevole numero di spettatori.

Nella giornata di oggi, nel corso della cerimonia di ufficializzazione dell’evento, sono stati proiettati dei video dedicati alla Puglia. Uno ha mostrato i tesori del capoluogo ionico e i luoghi più rappresentativi del territorio. L’altro le immagini dei campioni dello sport pugliese.

Per i Giochi del Mediterraneo una delegazione pugliese presente in Grecia.

In rappresentanza del territorio jonico, una delegazione pugliese è partita in Grecia, guidata dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, dal sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e dal presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti.

Erano presenti anche i rappresentanti del Coni. Non poteva mancare l’assessore regionale Cosimo Borraccino, il capo di Gabinetto della Regione. Claudio Stefanazzi, il direttore dell’Asset nonché consigliere Coni, Elio Sannicandro, l’onorevole Rosalba De Giorgi, il vicepresidente di Aeroporti di Puglia Antonio Vasile.

Presente anche il dirigente per la pianificazione strategica di Puglia promozione Luca Scandale. I presidenti della Federazione Danza sportiva Michele Barbone e del Taekwondo Angelo Cito. Il presidente del Coni Puglia Angelo Giliberto e il delegato Coni di Taranto Michelangelo Giusti.

Nel corso della conferenza, sono state indicate ben 108 motivazioni e gli obiettivi della candidatura. La lista delle sedi sportive e il calendario della manifestazione con le 30 discipline sportive previste che comprendono anche quelle paralimpiche.

L’evento agonistico richiederà l’utilizzo di 60 impianti sportivi. La provincia tarantina supporterà il capoluogo. Sul territorio jonico, sono stati scelti 28 impianti tra la città di Taranto e altri 20 comuni dell’area ionico-salentina.

Gli impianti sportivi sono tutti già esistenti e soltanto due di nuova costruzione: la piscina olimpica e il centro nautico e, inoltre, saranno utilizzate anche tre palestre di quartiere per gli allenamenti.

Sedi delle attività sportive.

La città di Castellaneta Marina sarà la sede che accoglierà il Villaggio Mediterraneo con i suoi atleti.

Ecco le altre città che accoglieranno le diverse attività agonistiche saranno:

  • Taranto per la vela, la canoa, il canottaggio, il nuoto, la pallanuoto, il tennis, l’atletica leggera, il calcio (finali); pallacanestro (finali), pallavolo (finali), triathlon;
  • Manduria per il taekwondo.
  • Grottaglie e Massafra per la pallacanestro, pallavolo (gironi eliminatori);
  • Martina Franca accoglierà la ginnastica, gli sport equestri;
  • San Giorgio Ionico per il sollevamento pesi;
  • Francavilla e Monopoli per il calcio (gironi eliminatori);
  • Riva dei Tessali (Castellaneta Marina) per il golf;
  • Valle d’Itria per il ciclismo su strada;
  • Laterza per lo scherma;
  • Castellaneta per le bocce;
  • Ginosa per il karate e lo judo;
  • Fasano per la pallamano.

Il presidente del Coni, Malagò ha appreso la notizia e ha dichiarato che per l’Italia, con Taranto e la Puglia che ospiteranno la XX edizione dei Giochi del Mediterraneo, si tratta di un importante riconoscimento per il mondo sportivo.

Ha affermato che l’Italia vivrà un 2026 da protagonista per quanto riguarda lo sport mondiale.