Taranto, Sappe: screening di massa per gli agenti penitenziari e detenuti

Il SAPPE di Taranto ha chiesto all'ASL di effettuare gli screening a poliziotti penitenziari e detenuti per tracciare la presenza del virus nel carcere.

0
48
Screening per tracciare presenza virus carcere

TARANTO – Il Sindacato autonomo della Polizia Penitenziaria, il Sappe, ha chiesto al dirigente ASL di Taranto, Stefano Rossi, lo screening di massa per gli agenti penitenziari e per i detenuti al fine di tracciare la presenza del virus nel carcere di Taranto.

Federico Pilagatti della segreteria del Sappe nazionale ha sottolineato come la seconda ondata sia molto pericolosa, tant’è che a Bari, Turi, Trani e Altamura si sta procedendo all’esecuzione di test di massa. Per questo motivo ci si chiede come mai l’ASL non abbia proceduto a Taranto a effettuare i controlli richiesti.

Secondo il segretario del Sappe, lo screening potrebbe essere svolto anche dai medici e dagli infermieri che sono presenti in servizio nel carcere di Taranto.

Qualora ciò però non si dovesse verificare, il Sappe effettuerà le iniziative necessarie all’interno delle sedi competenti per tutelare la salute dei poliziotti penitenziari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui