SAVA – Arrestati due giovani ritenuti responsabili a vario titolo di estorsione continuata e violazione delle prescrizioni imposte dalla Sorveglianza Speciale.

Si tratta di un 20enne pregiudicato sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. e di un 21enne, entrambi del posto, che esigevano delle somme di danaro da parte di un ragazzino di soli 15 anni.

In seguito alla denuncia fatta dalla madre del minore preso di mira dai due individui, i Carabinieri della Stazione di Sava, dopo aver segnato il denaro, hanno predisposto un servizio di osservazione nei pressi del luogo dove il ragazzino 15enne doveva incontrarsi per la consegna del danaro.

Il pregiudicato con la complicità dell’amico, aveva approfittato della giovane età della vittima per pretendere 50,00 euro, oppure monili in oro dello stesso valore, che avrebbe dovuto rubare ai genitori.
Per fortuna, il minore ha raccontato tutto alla madre che li ha denunciati.

Durante il servizio di appostamento, i carabinieri hanno catturato i due giovani che erano venuti all’appuntamento. Dopo il tentativo di fuga, sono stati fermati e al termine delle formalità di rito, tradotti in carcere, su disposizione del P.M. di turno.