AVETRANA – Sono arrivati nella giornata di ieri, 2 giugno, gli oltre 70 pakistani sbarcati  sulle coste di Taranto e fra di loro vi erano anche dei minori. 

Sono approdati a Torre Colimena e sono stati accolti dai Carabinieri e accompagnati ad Avetrana. Sono stati assistiti con acqua, latte e pane. A chi ne era sprovvisto, sono state date delle scarpe.

Sono stati fermati due uomini di nazionalità ucraina per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ritenendo che siano gli scafisti che hanno organizzato il viaggio.

La solidarietà della gente di Avetrana e la collaborazione delle associazioni di volontariato, ha permesso di aiutare questo gruppo di migranti, costituiti da soli uomini, di cui qualche minore e soddisfare le loro esigenze primarie.

Alcuni hanno avuto bisogno di cure perché mostravano escoriazioni a mani e piedi. In giornata sono stati accompagnati a Taranto per l’identificazione e la successiva collocazione nei centri di accoglienza.

L’amministrazione comunale di Avetrana ha mostrato tutta la propria disponibilità e il vice sindaco Alessandro Scarciglia, assieme al consigliere comunale Emanuele Micelli, ha coordinato l’accoglienza.

E’ stato messo a disposizione lo stadio comunale per il ricovero provvisorio di tutte le persone, perché fornito di servizi igienici adeguati e locali idonei ad accogliere tutti.

C’è stata una gara di solidarietà. Alcuni ristoranti hanno provveduto a offrire pasti caldi e un negozio di casalinghi ha donato piatti, bicchieri e posate sufficienti per tutti.

La partecipazione della comunità è stata fondamentale, perché ha consentito di poter mettere al sicuro le persone bisognose di assistenza.