Arrestati malviventi in un blitz dei Carabinieri di Castellaneta

Responsabili di furti e rapine commesse tra Taranto e Bari.

0
371

CASTELLANETA – E’ stata data esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di nove persone, ritenute responsabili a vario titolo di furti, rapine, ricettazione, detenzione di stupefacenti e porto abusivo di armi.

Sono stati eseguiti sette provvedimenti e due persone sono sfuggite alla cattura.

I soggetti arrestati nel blitz dei Carabinieri di Castellaneta sono:

– un 47enne di Mottola;
– un 19enne, un 27enne e un 48enne di Bari;
– un 29enne, un 38enne e un 53enne di Acquaviva;

I malviventi sono stati arrestati nel corso di un blitz tra Cassano Murge, Acquaviva delle Fonti e Apricena, eseguito dai Carabinieri della Compagnia di Castellaneta, supportati dal Comando provinciale di Taranto e dalle Compagnie di Altamura, Gioia del Colle e San Severo.

I reati compiuti tra Taranto e Bari avevano tutti la medesima caratteristica che li contraddistingueva. I luoghi interessati, dopo essere depredati, venivano devastati.

L’indagine chiamata Fures ha avuto inizio in seguito all’arresto avvenuto nel novembre del 2017 a Castellaneta di tre soggetti ritenuti responsabili di una rapina con sequestro di persona, ai danni dei titolari di un’azienda agricola.

L’attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Bari, ha permesso di avere gli elementi utili per risalire a sette furti commessi tra Cassano Murge e Santeramo in Colle, ai danni sia di privati che di esercizi commerciali.

Per delle rapine e dei furti avvenuti tra Castellaneta, Laterza e Ginosa, sono in corso ulteriori indagini per accertare che anche questi siano attribuibili alla stessa banda.