La Polizia ha arrestato due fratelli di 32 e 26 anni per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione è stata possibile dopo che gli agenti hanno raccolto diverse informazioni confidenziali e predisponendo un servizio di appostamento, nei pressi di un bar del centro cittadino gestito dai due soggetti.

Solo così la Polizia è riuscita ad incastrare i due fratelli castellanetani.

Gli agenti, li hanno colti sul fatto, poiché hanno assistito ad uno scambio di merce e danaro tra il maggiore dei fratelli e un cliente che poi è stato anche lui fermato ed identificato.

Dopo una perquisizione accurata del barista, sono stati sequestrati 15 involucri, contenenti 9,8 grammi di cocaina e la somma di 625 euro.

I controlli si sono estesi anche all’abitazione dei genitori dove risiede il figlio minore. Nel comodino della camera da letto sono stati trovati tre involucri di cellophane contenenti 23 grammi di marjuana e all’interno di un carrello porta spesa, altri due involucri contenenti con ben 298 grammi.

In un’altra camera da letto, inoltre, gli agenti di Polizia hanno rinvenuto 7mila 900 euro, un bilancino di precisione e altro materiale utile per il confezionamento della merce.

La Polizia ha provveduto al sequestro della sostanza stupefacente e del danaro e all’arresto dei fratelli.