Due cugini grottagliesi tratti in arresto per spaccio di sostanza stupefacente e detenzione e porto non autorizzato

Utilizzavano un'abitazione di campagna per occultare la droga.

0
125

GROTTAGLIE – Finiti nei guai due cugini denunciati per spaccio di droga. Dall’osservazione delle telecamere di videosorveglianza è stato accertato che utilizzavano un’abitazione situata nelle campagne e anche il terreno vicino per occultare la sostanza stupefacente.

La Polizia del Commissariato di Grottaglie li ha denunciati anche per detenzione e porto abusivo di fucile.

Dal controllo, è stato accertato che l’arma, di provenienza illecita, aveva la matricola alterata e che la sostanza stupefacente veniva rivenduta a terzi acquirenti.

E’ risultato, inoltre, che uno dei due soggetti denunciati, era già stato tratto in arresto, perché coinvolto nell’operazione “Dirty Money”, per dei reati di estorsione e usura nei confronti di imprenditore agricolo del luogo.

Mentre l’uomo tentava di occultare un fucile del tipo “Kalashikov”, era stato immortalato dalle telecamere.

I due soggetti sono finiti in carcere.