TARANTO – Dopo sei mesi da quel tragico 7 ottobre, quando nel quartiere Paolo VI il padre aveva colpito con un coltello il figlioletto e lanciato dal balcone la figlia di soli 6 anni, riceviamo delle buone notizie riguardo le condizioni di salute della bambina.

Da quel momento, la piccola è stata ricoverata presso il Presidio Ospedaliero SS. Annunziata, a causa delle gravissime ferite riportate.

La piccola aveva riportato un trauma cranico, facciale e gravi lesioni al torace e all’addome.

Era stata sottoposta perciò a molti interventi chirurgici ad opera del dottor Giovanni Bellanova, e le sue condizioni restavano molto critiche. Le possibilità di sopravvivenza erano davvero minime.

In coma profondo, era stata trasferita presso la Terapia Intensiva Pediatrica del Policlinico Gemelli di Roma, diretto dal prof. Giorgio Conti.

E’ rimasta ricoverata per quattro mesi durante i quali i medici hanno fatto un magnifico lavoro, fino al mese di febbraio, quando la piccola è stata ricoverata presso una struttura riabilitativa pediatrica, riacquistando la coscienza e la funzionalità del suo organismo.

L’eccellente lavoro svolto dall’equipe medica dell’Ospedale SS Annunziata ha permesso ancora una volta che una vita potesse essere salvata.