TARANTO: Questa volta si tratta di Gabriella che abitava in viale Virgilio e che ha lottato contro la morte per tanto tempo.

Anche questa volta la popolazione si scaglia contro l’Ilva, la conta dei morti prosegue e nessuno sembra preoccuparsene. Tra l’altro nel giorno della morte di Gabriella sono morti altri tarantini per la stessa causa tra lo sgomento di genitori che si disperano per l’ennesima morte annunciata.

Il popolo di Taranto chiede al governo di cercare e porre rimedio a questa situazione inaccettabile, non si può morire a quest’età. Bisogna che i canali d’informazione come quelli della Rai ne parlino, che l’indignazione diventi comune in modo da affrontare tutti insieme la grave emergenza sanitaria.